By continuing your visit to this site, you accept the use of cookies. They ensure the proper functioning of our services, analytics tools and display of relevant ads. Learn more about cookies and control them

Non sei ancora registrato? Creare un OverBlog!

Creare il mio blog

Antifurti senza fili, guida all'acquisto

Le moderne tecnologie trovano un grande spazio nell’evoluzione dei sistemi di allarme, siano essi con o senza fili. Il continuo affinarsi di tecniche di protezione e la necessità di poter impiantare un sistema antifurto in poco tempo, e senza demolire un appartamento, ha indirizzato la ricerca e lo sviluppo verso un sistema di allarme wireless, ossia senza furto, in grado di soddisfare ogni esigenza. La scelta del proprio sistema antintrusione non è più limitata a pochi modelli ma ad una gamma completa adatta a tutti.

Come scegliere

Il punto cruciale di ogni sistema di allarme wireless è la centralina. Essa è il cuore dell’antifurto, il punto cardine da cui gestirete ogni attività antintrusione nel modo che preferirete. Scegliere quella giusta è importante, con essa si gestiranno le periferiche ad essa collegate, come sensori di movimento, dispositivi antintrusione su porte e finestre e sensori periferici esterni. Alcune di esse sono in grado di gestire immagini grazie ad un software integrato e al collegamento con una telecamera di sorveglianza. Il loro punto debole è il numero di periferiche che sono in grado di gestire ma grazie a pochi accorgimenti sono sostituibili con apparecchiature più sofisticate senza dover sostituire i sensori collegati. Comunque, un modello base è in grado di proteggere un piccolo appartamento o un negozio comodamente e senza problemi. I vantaggi maggiori si avranno con le centraline intelligenti, apparecchiature in grado di inviare messaggi o chiamate a numeri prefissati sfruttando la tecnologia GSM integrata. In questo modo, ovunque voi siate, avrete la possibilità di ricevere un avviso immediato in caso di effrazione. I sensori, di qualsiasi tipo siano, sono collegati alla centralina attraverso la rete wireless ed anche la loro capacità di trasmissione è importante. Alcuni modelli soffrono la presenza di pareti che li separano dalla centralina per cui è sempre meglio verificare la loro portata in campi chiusi e non, come in molte specifiche, in spazi aperti. Gli esemplari sono tanti, si va dal sensore di movimento che sfrutta i soli infrarossi a quello a più tecnologie. Per porte e finestre sono reperibili sensori magnetici o sensori che registrano le vibrazioni. Per la scelta conviene rivolgersi ad un’azienda di sistemi di sicurezza, o di sistemi d’allarme, in grado di verificare sul posto e progettare il giusto assetto di protezione.

Vantaggi e accorgimenti

La presenza di un sistema di allarme comporta un abbassamento dei premi assicurativi, visto che con poco si possono gestire pericoli di incendio o altro, ma devono essere installati da un tecnico specializzato che certificherà il valore di protezione.

Stessi articoli di categoria Sicurezza e Allarmi

Sistemi di videosorveglianza, guida all'acquisto

Sistemi di videosorveglianza, guida all'acquisto

Avere un sistema di allarme in casa propria o nella proprietà esterna come il giardino può aiutare di questi tempi a dormire sonni tranquilli. Ormai questi sistemi sono poco visibili, di design gradevole e quindi facilmente integrabili con lo stile dei propri ambienti.
Rilevatore di presenza: come funziona

Rilevatore di presenza: come funziona

L'articolo descrive come funziona un rilevatore di presenza, spiega quali sono i migliori presenti in commercio e descrive di quali tipologie di sensori può essere fornito un sistema d'allarme all'avanguardia. In commercio è possibile scegliere tra numerosi prodotti e tra tante marche/modelli differenti; l'articolo li pone a confronto descrivendo le differenti caratteristiche di ognuno.