By continuing you agree to let us using cookies. We are using them to help make this website better. More details on cookies

Non sei ancora registrato? Creare un OverBlog!

Creare il mio blog

Come aiutare i bambini a imparare le tabelline?

La matematica è logica e metodo. La sua schematicità suscita nei bambini e negli studenti adulti un sentimento di amore/odio. Essi restano affascinati dalle logiche con cui si struttura una teoria, ma sono spaventati dal dover ricordare procedimenti e calcoli. Alle elementari lo scoglio più grande è quello delle tabelline

Le tabelline, passaggio obbligato per la matematica

Da sempre le tabelline sono l'incubo dei piccini. Studiarle sembra impossibile. Mentre imparano quella del 3 dimenticano quella del 2 e così via, in un crescendo di disperazione genitoriale senza fine. Anche le maestre talvolta non sanno come inculcare quest'argomento nelle giovani menti. Molti credono che studiare le tabelline sia inutile e comunque lo considerano un blando passaggio a temi più importanti. In realtà sono un modo essenziale per esercitare il bambino al ragionamento, poiché la tabellina lo spinge a contare, gli insegna cos'è una moltiplicazione e lo costringe a capire che ripetere un numero per tante volte dà un certo risultato. Inoltre, conoscere le tabelline e ricordarsele è un allenamento per la mente, che spinge il bimbo a tenerla sempre attiva e sveglia. Ripassare le tabelline costringe il piccolo studente a scavare nella propria memoria, cercando e trovando dati, senza contare l'utilità che ne ricaveranno nello svolgere le operazioni di matematica.

Apprendimento e metodo di studio

Insegnare a un bambino come studiare velocemente e bene le tabelline non è solo un modo per svolgere in fretta i compiti di matematica, ma vuol dire dare un buon metodo di studio, che gli resterà per tutta la vita. Ma come si può effettivamente insegnare a studiarle? Innanzitutto si può rendere l'ambiente scolastico e/o casalingo meno serio, facendo ad esempio dei giochi con le tabelline e in seguito dei giochi di matematica in generale. Allontanare il bambino dai libri di matematica per un po’ non può che giovare a questo studio. Bisogna, infatti, rendere il piccolino interessato e partecipe. Quindi nulla di meglio di qualche esercizio scherzoso. Si deve spingere il bambino a mettersi in gioco, inizialmente facendogli alzare le dita della mano per contare i risultati e poi abituarlo pian piano a concentrarsi e a fare dell'operazione materiale della conta, un'operazione mentale. Se il bambino conterà in mente arriverà di certo al risultato. Ovviamente questo vuol dire impiegare molto tempo per ottenere una risposta e ciò non giova alle possibili interrogazioni cui dovrà sottostare. Si consiglia allora di farlo esercitare tanto, dimodoché alla fine la tabellina l'avrà sì imparata a memoria, ma ragionandoci. Non è difficile capire come imparare le tabelline, l'importante è però come non farle dimenticare a un bambino che sta affrontando le scuole elementari e che, tornato a casa, vuole naturalmente giocare con gli amichetti e fare spuntini. Per cominciare si potrebbe interrogare il piccolo, almeno una volta al giorno. Tra uno snack e l'altro, una mamma volenterosa può metterlo alla prova, chiedendogli le tabelline più difficili, oppure facendogliele dire per intero velocemente. Inoltre gli si possono chiedere dei risultati specifici e non l'intera tabellina, così da allenare la sua mente a una prontezza che gli tornerà utile in futuro. Le lezioni di matematica tradizionali possono risultare noiose ad un bambino tra i 6 e i 10 anni, perciò invece di semplici test di matematica si potrebbero fare, anche nelle scuole, dei giochi didattici di matematica. I metodi in fondo sono tanti e si può riuscire nell'opera solo con un po’ di fantasia e buona volontà. Un giorno i bambini ce ne saranno grati.

Stessi articoli di categoria Matematica

Unità di misura: equivalenze e conversioni

Unità di misura: equivalenze e conversioni

L’utilizzo di un sistema di misura internazionale è necessario per poter comunicare univocamente i dati da uno Stato all’altro. Poiché vi sono numerose unità di misura che non rientrano in quelle usate a livello internazionale, è importante utilizzare e conoscere equivalenze e conversioni tra di esse.