Non sei ancora registrato? Creare un OverBlog!

Creare il mio blog

Come aprire un'attività di e-commerce

Per avviare un'attività e-commerce bisogna prima di tutto rispettare tutte le normative presenti nel decreto legislativo n. 114 dell’1 marzo 1998 che regola la vendita per corrispondenza, televisione e tutti gli altri metodi di comunicazione e la vendita al dettaglio attraverso un sito internet.

Documentazione

Prima di poter vendere prodotti su siti internet, bisogna fare degli iter burocratici, come compilare un apposito modulo che va presentato al Comune di residenza dell'attività. Dal momento della presentazione della domanda, devono trascorrere 30 giorni, al termine dei quali, se non ci sono state comunicazioni in merito da parte del Comune, si può avviare l'attività. Importanti sono anche i contratti che vanno a stipulare, che devono seguire le norme presenti nell'articolo 5 comma 2 della legge 15 marzo 1997 n. 59, che da valore a tutti gli atti, dati e documenti trasmessi grazie a strumenti informatici. Nel D.P.R. 10 novembre 1997 n. 513 è stato emanato il regolamento che stabilisce le norme per l'archiviazione, la formazione e trasmissione di documenti informatici. L'articolo 11 del regolamento stabilisce i criteri oggettivi che i documenti informatici dovranno avere, viene menzionato che tutti i contratti stipulati con firma digitale (seguendo le norme stabilite) hanno validità. In caso di controversie, sui contratti e- commerce, il foro competente è quello del giudice civile di residenza del consumatore. Per quanto riguarda le firme digitali, potrebbero presentarsi alcuni problemi, poiché la residenza di uno dei due firmatari potrebbe essere in qualsiasi parte del mondo. Per le controversie non ha senso stabilire come residenza quella del sito, né dell'indirizzo elettronico approvato dal provider, bisogna considerare domicilio solo al domicilio o residenza fisica del consumatore.

L'idea giusta

Prima di iniziare tutta la parte burocratica e legislativa, bisogna considerare cosa si voglia vendere! A mio parere, prima di aprire un'attività e- commerce, bisognerebbe fare una ricerca di mercato, che sì, costerebbe qualcosina, ma potrebbe dare l'indicazione giusta se il prodotto si venderà su internet o meno. Si potrebbe anche fare un business plan con i costi, e ovviamente gli ipotetici ricavi, e secondo questi, decidere di creare un e commerce o meno. I passi principali sono: individuare il mercato giusto e quindi individuare il prodotto particolare che attiri la clientela, studiare la logistica e creare i siti internet.

Stessi articoli di categoria Creazione d'impresa

Arredamento bar: conviene scegliere l'usato?

Arredamento bar: conviene scegliere l'usato?

Arredare un bar è economicamente impegnativo e a volte può essere utile sapere che è possibile allestire un arredamento usufruendo dell'usato. Cerchiamo di capire se è una scelta conveniente.
Il medico competente per le imprese: ruolo e compiti

Il medico competente per le imprese: ruolo e compiti

Quella del medico competente è una professione molto importante per tutte quelle attività che comportano rischi per la salute dei lavoratori. Ma in che modo nasce questa figura? Quali compiti svolge?