Non sei ancora registrato? Creare un OverBlog!

Creare il mio blog

Come riconoscere i sintomi di una gravidanza

I primi sintomi della gravidanza, quali sono e come riconoscerli

Gravidanza

Ogni donna conosce bene il proprio corpo e sa avvertire ogni piccolo cambiamento o disagio. Precisiamo che la gravidanza non è vissuta in maniera uguale per tutte, c'è chi sta male fin dalle prime settimane come chi non si accorge subito di essere incinta perché non ha nessun sintomo rilevante.
Normalmente però il corpo femminile manda alcuni segnali proprio per avvisare che qualcosa sta cambiando.
Si può notare un aumento di volume del seno già nelle prime settimane, che spesso non viene preso in considerazione perché si pensa sia dovuto all'arrivo del ciclo mestruale. Poi può proprio capitare che il ciclo arrivi, ma si tratta di false mestruazioni che durano un solo giorno. Se il ciclo dura così poco e con un flusso scarsissimo per almeno due volte, può trattarsi di gravidanza, ed è bene avvisare subito il proprio ginecologo, perché potrebbe trattarsi di gravidanza a rischio.
Altro sintomo da tenere bene in considerazione, ma non comune a tutte le donne, sono le nausee, che di solito si presentano al mattino appena alzate, o nel peggiore dei casi si fanno sentire per tutto il giorno e si placano solo mangiando qualcosa.
Può succedere anche che qualche cibo, pietanza o bevanda che si amava fino a qualche settimana prima, tutto d'un tratto assuma un sapore sgradevole e il solo odore dia fastidio.
Anche il profumo preferito o quello del proprio uomo può all'improvviso dare fastidio; così come il sapore della sigaretta e il fumo possono risultare fastidiosi anche nella fumatrice più accanita; non sottovalutare quindi l'olfatto se si hanno dubbi circa una probabile gravidanza.
Alcune donne notano già dalle primissime settimane un cambiamento a livello di ossa del bacino, che appaiono leggermente più larghe, oltre a un piccolo rigonfiamento della pancia.
Durante il corso della giornata è possibile avvertire qualche piccolo mancamento, che non sempre viene associato a una possibile gravidanza, ma che se in comune con altri sintomi già elencati è senza dubbio un valido campanello d'allarme da prendere in considerazione.

Visite ed esami da eseguire

Il primo controllo che una donna fa per sapere se è incinta è senza dubbio il test di gravidanza, che si trova in farmacia o addirittura in molti supermercati. Va però detto che non sempre il test è affidabile, per cui può succedere che il test dia risultato negativo perché nelle urine non vi sono ormoni in quantità sufficiente a determinarne la positività. In caso di dubbio è possibile fare le analisi del sangue per determinare il valore del Beta HCG.
Una visita dal proprio ginecologo è comunque il modo migliore e il più rassicurante per scoprire se si è in attesa di un figlio.

Stessi articoli di categoria Sessualità

Sintomi e calcolo del periodo di fertilità femminile

Sintomi e calcolo del periodo di fertilità femminile

Il ciclo mestruale compare per la prima volta intorno ai dodici o tredici anni di età, per poi scomparire (menopausa) più o meno a cinquanta anni (dai quarantacinque ai cinquantacinque anni in media -variabile-). Il ciclo mestruale non è sempre lo stesso da donna a donna, ma varia notevolmente a livello di intensità di perdite di sangue, a livello di dolori e sintomi vari, di alterabilità sull'umore, di giorni tra un ciclo mestruale e l'altro, anche se la media convenzionale è fissata a più o meno 28 giorni (da 23 a 31).