By continuing you agree to let us using cookies. We are using them to help make this website better. More details on cookies

Non sei ancora registrato? Creare un OverBlog!

Creare il mio blog

Filtro BMC CDA: recensione

Il filtro d'aria BMC CDA è un accessorio molto diffuso per la propria automobile. Si può trovare in vendita presso tutti i rivenditori autorizzati di accessori per auto.

Alcune informazioni

Andando sul sito ufficiale Bmc.it, si possono trovare tutte le informazioni inerenti ai vari tipi di filtro presenti sul mercato, fra cui questo modello. Lo scopo di tale filtro è quello di incrementare le prestazioni di un veicolo anche a bassi regimi. Gli aumenti di potenza possono variare da 4 fino a 7 cavalli.

Aspetti positivi

Ecco ora tutti gli aspetti positivi che riguardano il filtro d'aria BMC CDA: - il prodotto in questione è realizzato molto bene ed è anche di facile utilizzo. A bassi regimi inoltre si ha un ottimo aumento di potenza, senza che la stessa possa perdersi. Il rendimento dell'auto è buono nel complesso. - L'installazione di questo filtro è molto semplice e non richiede troppo tempo. - Il motore si sforza molto meno e respira decisamente meglio. Può inoltre raffreddarsi molto più rapidamente rispetto ai regimi normali. - Il filtro è di qualità più che ottima ed è possibile anche lavarlo. - Non bisogna dimenticare di adottare uno stile di guida adeguato, perché in talune automobili, anche se non su tutte, i consumi di benzina possono avere un ribasso rilevante. - Anche se il prezzo è abbastanza alto, se il filtro viene utilizzato al meglio, il costo viene ammortizzato nel tempo.

Aspetti negativi

Ecco ora tutti gli aspetti negativi in merito al filtro d'aria BMC CDA: - il prezzo è veramente elevato, sono infatti non meno di 200 euro, per aumentare di soli pochi cavalli la potenza della propria automobile. - Anche se si aumenta la potenza dell'auto con un filtro di questo tipo, bisogna tenere conto che i consumi di carburante aumentano di tanto, in diversi modelli e tipi di automobili. Di conseguenza si investono molti soldi per avere poi maggiori consumi di carburante, anche nel caso in cui una determinata auto sia alimentata a diesel o a gasolio. - Nonostante sia facile da installare, bisogna farlo nel miglior modo possibile, altrimenti in determinate situazioni, come ad esempio la marcia in autostrada, può aprirsi e può creare molti problemi. Occorre dunque verificare che sia ben fissato e non si allenti in nessun caso.

Stessi articoli di categoria Tuning

Cerchi in lega Volvo, come sceglierli

Cerchi in lega Volvo, come sceglierli

Se si possiede un auto Volvo di un modello precedente, magari con i cerchi ancora in ferro, oppure si vuole sostituire quelli in essere perché deteriorati dall'usura, con quelli di nuova generazione, bisogna consultare il libretto di circolazione della vettura per la misura esatta. Questa è una piccola guida per chi vuole scegliere dei cerchi in lega Volvo.
Guida all'acquisto: Cerchi in lega Alfa

Guida all'acquisto: Cerchi in lega Alfa

Andiamo a scoprire come scegliere i cerchi in lega per una vettura dell'Alfa Romeo: quali parametri tenere in considerazione, quali modelli selezionare, a quali prezzi fare riferimento.
Guida all'acquisto: cerchi in lega Opel

Guida all'acquisto: cerchi in lega Opel

I cerchi in lega leggera della Opel sono cerchi di medio livello e non sono compresi nel prezzo sulla maggior parte delle vetture nella versione ad allestimento base, eccezion fatta per la nuova Opel Insignia, che ha però un prezzo piuttosto alto, circa 28 mila euro in media. Pur non essendo compresi nella maggior parte delle vetture del gruppo nel prezzo, sono disponibili su tutte le vetture a listino, dalla Opel Agila alla Opel Tigra.
Guida all'acquisto: Cerchi in lega Fiat Punto

Guida all'acquisto: Cerchi in lega Fiat Punto

I cerchi in lega della Fiat Punto sono molti e di diverse dimensioni. La prima versione di Fiat Punto montava cerchi in lega particolarmente 'pieni' e a 4 o 5 razze, di piccole dimensioni, essi erano da 14 o da 15 pollici in modo opzionale. La seconda e la terza serie di Fiat Punto per dimensioni e per caratteristiche ricordavano ancora la prima serie della Fiat Punto, ed avevano solo nella serie Fiat Punto Hgt i cerchi in lega, che erano o simili a quelli della prima serie. Essi erano da un massimo di 16 pollici se maggiorati, e a molte razze, equipaggiavano la versione Fiat Punto Hgt, 1.8 litri di cilindrata e ben 136 cavalli di potenza.