Non sei ancora registrato? Creare un OverBlog!

Creare il mio blog

Honda XLR 125 R: recensione

La prova su strada della Honda XLR125 mette in risalto le qualità di questa moto da enduro, prodotta a cavallo tra la fine degli anni Novanta e gli inizi degli anni Duemila. Vediamone, dunque, le specifiche tecniche, prendendo in esame pregi e difetti.

Com'è

Andiamo alla scoperta delle caratteristiche più rilevanti relative alla Honda XLR 125 R. Abbiamo a che fare con una moto da enduro prodotta tra il 1998 e il 2002. Caratterizzata da un’altezza di 86 centimetri, per una lunghezza di 2 metri e 19 e una larghezza di 84 centimetri, questa moto propone un serbatoio da 9 litri di capacità, e un peso di 119 chili. I freni sono a disco davanti e a tamburo dietro, mentre il cerchio anteriore misura 21 pollici e quello posteriore 18. Il motore a 4 tempi, a un cilindro, ha una cilindrata di 125 centimetri cubi, ed è supportato da un cambio a 5 marce. Per quel che riguarda le prestazioni, il picco di coppia si raggiunge a 7mila giri, a 1.07 kgm, equivalenti a 10.48 Newton metro, mentre la potenza massima è sviluppata a 8250 giri, a 8.39 kw, corrispondenti a 11.4 cavalli. Il prezzo è di poco superiore ai 3mila euro.

Aspetti positivi

- La posizione in sella si rivela comoda, e il manubrio propone la giusta larghezza per consentire alle braccia di non affaticarsi anche su percorsi molto impegnativi.
- L'erogazione del motore è fluida e omogenea, e questo si traduce in una marcia lineare e priva di intoppi o altri tipi di irregolarità.
- Degna di nota, in positivo, è l'efficienza dell'impianto frenante, che sa garantire spazi di arresto contenuti anche in situazioni di emergenza, sia su terreni asciutti che su terreni bagnati.
- Apprezzabile l'assetto delle sospensioni, che fa sì che eventuali ostacoli o asperità presenti sul terreno vengano assorbiti con la massima disinvoltura: avvallamenti, pozze, buche o dossi sono filtrati senza problemi, in maniera efficace.

Aspetti negativi

- Per quel che riguarda gli aspetti meno positivi relativi a questa moto, occorre mettere in evidenza che il sound del motore si fa sentire, e molto: ciò finisce per compromettere parzialmente il confort acustico.

Stessi articoli di categoria Moto

Piaggio Ape: recensione

Piaggio Ape: recensione

La prova su strada mette in risalto la notevole polivalenza del Piaggio Ape: un veicolo commerciale che fin dagli anni Quaranta si è fatto notare per le dimensioni contenute e per il design particolare, il cui successo rimane immutato ancora oggi.
Ducati Scrambler 450: recensione

Ducati Scrambler 450: recensione

La prova su strada della Ducati Scrambler 450 esalta le qualità di questa custom particolare: vediamone, dunque, le specifiche tecniche, a partire da un motore in grado di sviluppare 27 cavalli, per una coppia massima di 3.75 mkg a 4mila giri al minuto.
Cagiva Planet 125: recensione

Cagiva Planet 125: recensione

La Cagiva Raptor 125 ha un progetto di base molto valido, visto che sia il motore che telaio, sospensioni e freni sono ereditati direttamente dalla Mito.
Yamaha XV 250 Virago: recensione

Yamaha XV 250 Virago: recensione

La prova su strada della Yamaha XV 250 Virago mette in luce pregi e difetti di questa custom da 250 cc. Vediamo, dunque, le specifiche tecniche della moto, lunga 2 metri e 19, e con serbatoio da 9 litri e mezzo.