Non sei ancora registrato? Creare un OverBlog!

Creare il mio blog

Nintendo DS Lite pink, test prodotto

La Nintendo Ds lite è un'ottima piattaforma di gioco portatile, ideale per momenti di svago. In questa recensione analizzeremo la versione Coral Pink della console

Descrizione della console

La Nintendo DS Lite pink è una console portatile che riesce a coniugare l'azione di due schermi (di cui uno touch-screen) e molte altre funzionalità. Tra queste si segnalano l'avanzato sistema grafico 3D (con quattro differenti livelli di illuminazione) ed il comparto audio a 16 canali, un microfono integrato, ed un peso che si assesta sul 20% in meno del precedente Nintendo Ds, per circa 218 grammi complessivi; le dimensioni totali, dunque, sono circa diminuite di un terzo rispetto alla precedente console portatile Nintendo.
Altre caratteristiche sono la possibilità di connettersi ad internet tramite il Wi-Fi, un sistema di riconoscimento vocale ed una disposizione dei tasti migliorata. La console è disponibile, oltre che nel colore Coral Pink, anche nella classica versione bianca ed in una nera.

Aspetti positivi

- La presenza del doppio schermo, ideale per usufruire di alcune tipologie di giochi (come per esempio i giochi di ruolo ed i puzzle game), difficilmente replicabili sulle altre console portatili.
- Il touch-screen si è rivelato preciso e reattivo
- Le funzionalità Wi-Fi aumentano il coinvolgimento del giocatore grazie alla possibilità di sfidare altri giocatori umani
- E' possibile giocare ai vecchi titoli del GameBoy Advance, retrocompatibili e perfettamente fruibili.
- E' importante sottolineare, infine, come queste caratteristiche non abbiano fatto aumentare il prezzo di questa nuova versione della console rispetto a quelli precedenti (indicativamente sui 130 €).

Aspetti negativi

- Sporadiche difficoltà riscontrate nel gioco online
- Un aspetto negativo specifico del modello coral pink, in particolare, risiede nel fatto che la console sembra essere più suscettibile delle altre versioni a graffi ed altri inestetismi; la resistenza agli urti dunque è migliorabile: un problema, questo, ovviabile attraverso eventuali custodie e protezioni acquistabili online o nei negozi specializzati.
- Dal punto di vista software, la console non è adatta ai cosiddetti giocatori "hardcore", ovvero coloro i quali giocano in modo intensivo prediligendo altri generi e piattaforme di gioco (per esempio il Pc); l'utenza principale è rappresentata invece dai giocatori "casual", di tutte le età, più inclini a giocare sporadicamente.

Stessi articoli di categoria Videogiochi

Devil May Cry 3, recensione

Devil May Cry 3, recensione

Il terzo capitolo di Devil May Cry riporta la saga sul trono degli action per Playstation 2, risultando superiore al primo capitolo!. Se vi piace il genere semplicemente non troverete nulla di meglio in giro per il vostro monolite: Devil May Cry 3 diverte, impegna e gratifica il giocatore come solo i grandi giochi sanno fare... Dante si é risvegliato ed é di nuovo capolavoro!
Come funziona il touchscreen del Nintendo DS

Come funziona il touchscreen del Nintendo DS

A partire dagli anni '80 è iniziata la diffusione di touchscreen, dei dispositivi che permettono all'utente di utilizzare le dita, o eventualmente degli appositi oggetti, per interagire con uno schermo e generare una risposta di qualche tipo. Esistono diversi tipi di touchcreen, tutti caratterizzati da diversi elementi. Si può dire che, grazie alla sua capacità di recepire uno "stimolo" proveniente dall'esterno e dare una risposta digitale verso l'esterno, il touchscreen debba essere considerato un hardware sia di input che di output. Al giorno d'oggi la sua diffusione avviene soprattutto grazie all'utilizzo di supporti portatili come cellulari, navigatori, o, come introduce il titolo, console portatili.