Non sei ancora registrato? Creare un OverBlog!

Creare il mio blog

Notizie geografiche, culturali e politiche sull'Afghanistan

Teatro delle più antiche attività della storia, in anni recenti la regione ha i riflettori tristemente puntati sulla devastazione della guerra che gli Usa e i suoi alleati vi combattono contro talebani ed il terrorismo da essi sostenuto.

Terra arida e montagnosa

Regione dell' Asia centro meridionale, l' Afghanistan con il suo clima secco, rigidissimo in inverno e torrido in estate, e con la sua natura prevalentemente desertica e montagnosa, è un paese arido. Privo di sbocchi sul mare è attraversato da una delle più alte catene montuose del mondo l' Hindu Kush e solo un quinto del territorio è coltivabile anche grazie ad un buon sistema di canali d'irrigazione. Oggi prevalgono le macerie sulle colture che furono di grano, orzo, riso, mais, semi di cotone, frutta e soprattutto cedri e poco resta anche degli antichi monumenti lasciati dalle civiltà che l'abitarono.

Invasioni antiche

La posizione geografica dell'Afghanistan ha favorito nel corso dei millenni un continuo susseguirsi di occupazioni: indoariani, persiani, macedoni, greci, Indiani nella parte sudorientale che portarono il buddismo nella regione e di nuovo gli ellenici. Dal I sec d.C vi fu costituito l'impero Kushan per poi cadere in mano a varie tribù euroasiatiche che si alternarono a governanti locali. Nel VII sec gli Arabi mussulmani invasero il territorio conquistando in mezzo secolo tutta la regione e segnado la progressiva conversione all'Islam della popolazione. Fino all'arrivo dei mongoli di Gingis Khan che devastarono il paese, fu il centro di imperi come quello Ghaznavide e Ghurida. Nel 1540 Uzbeko Babur vi fondò un longevo Impero con capitale Kabul, strappatogli nella prima metà dell' XVII sec dai Safavidi persiani.

Invasioni moderne

Dall' Ottocento il paese fu al centro di interessi russi ed Inglesi, questi ultimi si ritirarono solo a fine secolo e nel 1813 il paese divenne indipendente. Fatta eccezione per i 40 anni di regno del Mohammed Zahir Shar dal 1933 al 73, il paese visse un susseguirsi di colpi di stato nello scontro tra comunisti appoggiati dai sovietici e mujahidin sostenuti da Usa ed altri paesi. Nel 86 l' invasione Russa fu condannata dall'Onu, ma il loro ritiro definitivo risale al 1998. La guerra civile resterà la costante fino all'apparire sulla scena dei Talebani nel 1994.
Questo gruppo armato, che si presentò come difensore della libertà di traffico e di transito nel paese, nel 96 instaurò un regime islamico ultraconservatore e appoggiò il terrorismo di Al Quaida diretto da Bin Laden, responsabile di vari attacchi contro gli Usa di cui indimenticabile quello dell'11 settembre 2001. L'azione militare americana da allora in essere, nel maggio 2011 ha portato all'uccisione del capo del terrorismo, ma siamo ancora lontani dall'affermazione della democrazia nel paese dalle forti radici fondamentaliste.

Stessi articoli di categoria Geografia

Come viene creata la mappa di una città?

Come viene creata la mappa di una città?

Una delle più strabilianti applicazioni del web che riesce a coniugare diletto e utilità è sicuramente quella che fa riferimento all'elaborazione di mappe e cartine cittadine che coniugano anche una visione satellitare della zona di interesse. Tutto questo, in poche semplici parole, viene unito da Google nell'applicazione Gmaps che, per l'appunto, coniuga le varie necessità.
Milano: mappa della città e punti d'interesse

Milano: mappa della città e punti d'interesse

Milano è notoriamente una delle città più caotiche a livello di traffico e viabilità. Se si vuole visitare Milano però ci sono numerosi strumenti online a cui si può fare riferimento per non rimanere totalmente incastrati nel traffico e non perdere tempo inutilmente. Milano è anche una città ricca di monumenti e di punti di interesse turistico facilmente raggiungibili con i mezzi pubblici. Fondamentale è però pensare a un itinerario e programmare preventivamente tutte le varie tappe in modo da essere preparati a eventuali imprevisti.