Non sei ancora registrato? Creare un OverBlog!

Creare il mio blog

Parco Regionale dell'Appia Antica: dettagli sulle aree archeologiche

Sito archeologico di alto valore storico, la zona del suburbio romano è stato inglobata (con una legge che lo tutela) nel Parco Regionale dell'Appia Antica. Tanti i resti da visitare in questa vasta area piena di storia e cultura.

Parco Regionale Appia Antica

Il Parco Regionale dell'Appia Antica è una zona protetta di interesse regionale (ma anche nazionale) dall'alto valore storico e archeologico. Si tratta di una zona suburbana o come veniva definita in epoca imperiale "suburbio" ovvero la parte dell'Impero Romano esterno alla Città e compreso tra le mura esterne di difesa e l'aperta campagna. Il Parco si prefigge di conservare e valorizzare il territorio con tutto ciò che comprende al suo interno, ovvero le bellezze naturalistiche e soprattutto il lascito di alto valore archeologico dell'Antico Impero Romano nei suoi vari periodi storici. Arte, culture e natura sono in questo Parco protetti da una legge regionale del 1988. Molti sono i monumenti e i resti archeologici che è possibile visitare, in itinerari organizzati dall'Ente Parco. Ecco un piccolo elenco delle bellezze antiche da ammirare nell'antico suburbio romano.

Le aree archeologiche

- Porta San Sebastiano e Museo delle Mura: il museo ripercorre la storia delle fortificazioni dell'antica città di Roma in vari periodi storici e la Porta San Sebastiano è una delle più vaste e meglio conservate tra tutti i resti delle mura del periodo Aureliano. - Area delle Tombe Latine: complesso archeologico tra i più importanti e meglio conservati del suo genere, tanto da conservare ancora oggi i tratti peculiari dell'antica campagna romana. Tra gli elementi archeologici di maggior rilievo vi sono un tratto della Via Latina ancora pavimentata, e numerosi monumenti funebri (tra cui i sepolcri Barberini, dei Valeri e dei Calpurni). - Villa dei Quintili: villa sfarzosa appartenuta ai Fratelli Quintili (consoli romani) e poi all'Imperatore Commodo. Residenza amata soprattutto per la tranquillità delle campagne e per le terme all'interno della residenza. - Mausoleo di Cecilia Metella: tomba monumentale eretta per una donna della nobiltà romana, figlia del Console Quinto Ceciclio Metello; il monumento è forse uno dei simboli di tutta la vasta area del Parco dell'Appia Antica. - Villa di Massenzio: è un complesso di edifici (di cui tre principale e più importanti) costruiti per celebrare la grandezza dell'Imperatore Massenzio.
Altri monumenti da visitare assolutamente lungo l'itinerario dell'Antica Via Appia sono il Circo, le Catacombe di San Callisto, il Mausoleo di Romolo, le Chiese (S. Urbano, Domine Quo Vadis? e la Basilica di San Sebastiano).

Stessi articoli di categoria Archeologia e Paleontologia

La cultura romana: testimonianze e reperti archeologici

La cultura romana: testimonianze e reperti archeologici

La civiltà romana ha segnato la storia dell’Italia e del Mediterraneo per lunghi secoli e la cultura romana è giunta sino a noi grazie a reperti archeologici e a opere ancora in buono stato dopo secoli di storia. Tutte le opere a noi giunte testimoniano l’ascesa e lo splendore di uno degli imperi più potenti e importanti della storia.