Non sei ancora registrato? Creare un OverBlog!

Creare il mio blog

Periodo fertile nella donna, come calcolarlo

Calcolare il periodo fertile può essere utile per evitare di avere un bambino oppure per averlo. Ecco come si fa.

Quando la donna è più fertile?

Il periodo più fertile per ogni donna è quello che corrisponde ai giorni in cui avviene l'ovulazione, quando cioè, a partire dall'età fertile, grazie ad un picco di ormoni, ogni mese un ovulo maturo viene espulso dall'ovaio, e inizia il suo percorso, attraverso le tube, verso l'utero.
Se nella tuba l'ovulo incontra gli spermatozoi, (in realtà ne basta uno solo), verrà fecondato e raggiungerà l'utero per impiantarsi e dare così inizio alla gravidanza.
Se invece non incontra spermatozoi, il suo percorso si conclude con la comparsa della mestruazione.
L'ovulazione, nelle donne con ciclo regolare di 28 giorni, avviene in genere, 14 giorni prima della comparsa delle mestruazioni.

Come calcolare il periodo fertile?

Calcolare quali sono i giorni dell'ovulazione, quelli cioè più fertili, può essere molto utile quando si vuole avere un bambino.
Quando invece non si vogliono gravidanze, usare il calcolo dei giorni fertili e di conseguenza di quelli meno fertili, come "metodo anticoncezionale", è meno sicuro di quanto possa sembrare.
Esistono diversi metodi per calcolare il periodo fertile:
- osservazione del muco cervicale e altri "sintomi" dell'ovulazione: durante l'ovulazione, si possono osservare perdite vaginali più abbondanti, di consistenza e colore simili all'albume dell'uovo, molte donne inoltre, per effetto degli ormoni, manifestano tensione al seno, piccoli dolori alla pancia e aumento del desiderio sessuale; - misurazione temperatura basale: va misurata ogni giorno, al risveglio, e segnata poi su un grafico (scaricabile anche on line), sarà più bassa nei giorni prima dell'ovulazione; e più alta (di circa tre decimi di grado) quando l'ovulazione finisce; - metodo sintotermico: associa la misurazione della temperatura basale all'osservazione del muco cervicale;
- metodo Ogino-Knaus: poco affidabile e ormai quindi poco usato, calcola i giorni fertili considerando solo la durata del ciclo, e il fatto che l'ovulazione avviene in genere 14 giorni dopo l'ultima mestruazione;
- test d'ovulazione su saliva: rileva, in pochi secondi, gli estrogeni presenti nella saliva e indica così i giorni in cui si sta ovulando e quindi più fecondi;
- test d'ovulazione sull'urina: ha forma molto simile al più conosciuto test di gravidanza. Attraverso strisce reattive, immerse nell' urina qualche secondo, rileva il picco di LH, l'ormone dell' ovulazione, indicando il periodo di maggiore fertilità per la donna.
- monitoraggio ecografico: è, tra tutti, il metodo più costoso; monitorare ecograficamente le ovaie può però essere molto utile per conoscere l'andamento del ciclo.
Esistono infine molti siti web che mettono a disposizione di ogni donna rapidi "calcolatori d'ovulazione", basta inserire la data dell'ultima mestruazione e la durata del ciclo per conoscere i giorni migliori per concepire un bimbo.

Stessi articoli di categoria Sessualità

Marco Rossi, sessuologo italiano

Marco Rossi, sessuologo italiano

Sicuramente un grande esperto nel suo settore Marco Rossi, un professionista stimato e apprezzato. La sua specializzazione è in psichiatria ma, oggi, molti di noi lo ricordano, grazie a diverse apparizioni televisive, come un sessuologo che opera con grande competenza in campo medico.
Consigli e metodi naturali per concepire una femmina

Consigli e metodi naturali per concepire una femmina

Se siete desiderosi di avere una figlia femmina leggete questo articolo e valutate se usare i seguenti metodi naturali per concepire una bambina. Ovviamente niente di sicuro al 100% ma comunque questi 'metodi' aumentano di molto le probabilità, quindi tentar non nuoce.