By continuing you agree to let us using cookies. We are using them to help make this website better. More details on cookies

Non sei ancora registrato? Creare un OverBlog!

Creare il mio blog

Suzuki Swift: quali modifiche tuning apportare

La Suzuki Swift è una macchina ideale per apportare modifiche tuning. Premessa la necessità di rispettare sempre le regole e il Codice della Strada, che stabilisce cosa può essere modificato e cosa no, vediamo alcuni esempi di interventi che si potrebbero eseguire.

Gli esterni

Quali modifiche a livello di tuning è possibile apportare sulla Suzuki Swift? Occorre precisare che questo modello Suzuki si presta al tuning in maniera decisamente convincente. I campi su cui è possibile intervenire sono differenti. Gli accessori della Swift, infatti, lasciano un notevole spazio alla creatività. Sotto il profilo meramente estetico, per esempio, abbiamo la possibilità di lisciare le fiancate e il portellone, per quel che concerne la carrozzeria, oppure cambiare le lampadine dei fari. Possiamo anche sostituire i paraurti della Swift, così come aggiungere uno spoiler più o meno evidente. È necessario tenere conto, in ogni caso, che tali modifiche non incideranno unicamente sull'impatto visivo offerto dalla vettura, ma anche sulle sue prestazioni e sul suo livello di sicurezza. Una scelta molto gradevole potrebbe essere quella di montare dei cerchi nuovi, con un design grintoso e originale. All'interno, d'altra parte, possiamo agire sui sedili, o smontandoli e montandone di nuovi, o semplicemente cambiando i rivestimenti (tessuto, pelle o misto pelle tessuto, a seconda dei nostri gusti e delle nostre esigenze).

Gli interni

Sempre all'interno dell'abitacolo, abbiamo l'opportunità di intervenire sui pannelli che ricoprono le portiere, sulla plancia e sul volante, riverniciandoli o semplicemente aggiungendo degli inserti, in radica, in legno o in alluminio. Anche la pedaliera in alluminio può costituire un ottimo esempio di tuning estetico. Citiamo, inoltre, la possibilità di sostituire l'impianto dell'autoradio, o semplicemente aumentare il numero delle casse o cambiare i subwoofer, per migliorare l'acustica generale all'interno della vettura. Si possono sostituire, inoltre, i led dei comandi della strumentazione sulla plancia, così come il tunnel centrale. Vale la pena di ricordare, per altro, che nel caso in cui andiamo a modificare parti strutturali o funzionali della vettura, è necessario sottoporre la stessa a un controllo della Motorizzazione, per ricevere le necessarie omologazioni. Esistono alcuni campi sui quali non è possibile intervenire: per esempio, lo scarico completo o la centralina.

Stessi articoli di categoria Tuning

Corsa B: quali modifiche tuning apportare all'auto

Corsa B: quali modifiche tuning apportare all'auto

La Opel Corsa B non è altro che l'evoluzione di quella presentata la prima volta nel 1982, la piccola tedesca rinnovata ed arrotondata sfoggia anche motorizzazioni sportiveggianti di un certo interesse.
Guida alla scelta del Kit Xenon

Guida alla scelta del Kit Xenon

Non sono solo una modifica estetica, i fari allo xenon garantiscono anche maggiore visibilità della strada, e pertanto, aumentano la sicurezza della guida. In quest'articolo li esamineremo in dettaglio, cercando di individuare criteri guida per la scelta del kit più adatto alle nostre esigenze.
Opel, come scegliere i cerchi in lega

Opel, come scegliere i cerchi in lega

Quali sono i fattori da tenere in considerazione nel momento in cui decidiamo di comprare i cerchi in lega per una macchina della Opel? Vediamo quali sono le offerte migliori disponibili sul mercato, senza trascurare l'aspetto estetico ma con un occhio al portafoglio.
Guida all'acquisto: Cerchi in lega Fiat Punto

Guida all'acquisto: Cerchi in lega Fiat Punto

I cerchi in lega della Fiat Punto sono molti e di diverse dimensioni. La prima versione di Fiat Punto montava cerchi in lega particolarmente 'pieni' e a 4 o 5 razze, di piccole dimensioni, essi erano da 14 o da 15 pollici in modo opzionale. La seconda e la terza serie di Fiat Punto per dimensioni e per caratteristiche ricordavano ancora la prima serie della Fiat Punto, ed avevano solo nella serie Fiat Punto Hgt i cerchi in lega, che erano o simili a quelli della prima serie. Essi erano da un massimo di 16 pollici se maggiorati, e a molte razze, equipaggiavano la versione Fiat Punto Hgt, 1.8 litri di cilindrata e ben 136 cavalli di potenza.