By continuing you agree to let us using cookies. We are using them to help make this website better. More details on cookies

Non sei ancora registrato? Creare un OverBlog!

Creare il mio blog

Volkswagen Golf IV: quali modifiche tuning apportare all'auto

Andiamo alla scoperta delle modifiche tuning da effettuare sulla Volkswagen Golf 4: un'auto che, specialmente nella versione Tdi, si presta senza problemi a questo tipo di interventi.

Cosa fare

Quali sono le modifiche che è possibile apportare, a livello di tuning, sulla Volkswagen Golf IV? Per quanto riguarda gli esterni, abbiamo l’opportunità, tra l’altro, di smontare i fari posteriori per montarne di nuovi, eventualmente cambiando anche le lampadine. Sulla carrozzeria, si può lisciare il portellone posteriore, e la stessa operazione può essere applicata anche sulle fiancate. Non è finita: possiamo anche chiudere la mascherina anteriore, o montare un paraurti diverso, proveniente da una edizione diversa della Golf. Da non perdere, inoltre, le modifiche che riguardano i fari, con numerose soluzioni a disposizione (per esempio, i fari allo xeno). Negli interni, possiamo montare un tunnel centrale nuovo, ma anche verniciare come preferiamo alcuni particolari, o smontare e montare sedili differenti (con rivestimenti in tessuto, in pelle, o misto pelle tessuto). Ancora, esiste l’opportunità di smontare il cruscotto, per cambiare il fondino, così come sostituire i tessuti dei sedili, sia anteriori che posteriori. Modifiche possono essere apportate anche alla cuffia del cambio, al pomello del cambio, alla plancia e ai led dei diversi comandi.

Meccanica

Occorre precisare che i ricambi della Golf possono essere presi non solo dalle versioni precedenti della macchina, ma anche da altre vetture. Per quel che riguarda gli interni, per esempio, gli accessori della Clio rappresentano un punto di riferimento non indifferente. Entriamo ora nel concreto, e vediamo come è possibile sostituire la pompa di benzina (uno dei tanti interventi che si possono eseguire a livello meccanico). Iniziamo svitando la ghiera di plastico, e con un cacciavite piatto martelliamo sui punti di ancoraggio la ghiera stessa, forzando in senso antiorario. Una volta svitata, possiamo agire come preferiamo. Concludiamo segnalando che a livello estetico è possibile agire cambiando il colore della vettura, o rendendola più sportiva con l'aggiunta di minigonne e spoiler: operazioni che non solo muteranno l'aspetto esteriore della vettura, ma ne influenzeranno in maniera evidente anche le prestazioni, non solo in termini di sicurezza, ma anche e soprattutto dal punto di vista dell'aerodinamica.

Stessi articoli di categoria Tuning

Opel Frontera: quali modifiche tuning apportare?

Opel Frontera: quali modifiche tuning apportare?

L'Opel Frontera è una vettura di matrice tedesca di grandi dimensioni, adatta più agli amanti del fuori strada che a quelli del tuning. Questa vettura è stata per oltre 10 anni a listino, fra gli anni '90 ed il 2004, è stata poi in seguito sostituita dalla Opel Antara, SUV ben più moderno e meno spartano. Questa vettura è ideale per chi ama modificare le vetture in chiave estrema e desidera una vettura che poco e nulla ha a che spartire con quella originale. Questa vettura costa davvero poco se la si vuole usata per poterla poi modificare, meno di 8 mila euro, ma è molto difficile da trovare poiché ne sono state vendute poche e chi la acquista di solito ama tenerla molti anni, visto che vi è un legame quasi affettivo fra chi guida e il suo fuoristrada.
Angel Eyes Opel Corsa C: recensione e scheda tecnica

Angel Eyes Opel Corsa C: recensione e scheda tecnica

Molto spesso le automobile hanno bisogno di qualche tocco di innovazione e novità. Per questo motivo la casa tedesca Opel, ha dotato una delle sua vetture, la Opel Corsa, di una particolare tipologia di fari, gli Angel Eyes Opel Corsa C.
Guida all'acquisto: Cerchi in lega Fiat Punto

Guida all'acquisto: Cerchi in lega Fiat Punto

I cerchi in lega della Fiat Punto sono molti e di diverse dimensioni. La prima versione di Fiat Punto montava cerchi in lega particolarmente 'pieni' e a 4 o 5 razze, di piccole dimensioni, essi erano da 14 o da 15 pollici in modo opzionale. La seconda e la terza serie di Fiat Punto per dimensioni e per caratteristiche ricordavano ancora la prima serie della Fiat Punto, ed avevano solo nella serie Fiat Punto Hgt i cerchi in lega, che erano o simili a quelli della prima serie. Essi erano da un massimo di 16 pollici se maggiorati, e a molte razze, equipaggiavano la versione Fiat Punto Hgt, 1.8 litri di cilindrata e ben 136 cavalli di potenza.