By continuing your visit to this site, you accept the use of cookies. They ensure the proper functioning of our services and display relevant ads. Learn more about cookies and act

Non sei ancora registrato? Creare un OverBlog!

Creare il mio blog

Cronache Lodigiane

Blog

TUTTA COLPA D'ARTHUR

TUTTA COLPA D'ARTHUR

La verità è un'opzione
Cronache Lodigiane Cronache Lodigiane
Articoli : 14399
Dal : 26/04/2010
Categoria : Politica

Articoli da scoprire

Non c'è stato alcun attacco chimico in Siria

Non c'è stato alcun attacco chimico in Siria

Dal reportage del celebre e storico reporter di guerra Rober Fisk si evince che a Douma non c'è stato nessuno attacco con armi chimiche. Potrebbe essere contestata la versione di Fisk. Vero, ma dal momento che i governi di USA, Francia e Gran Bretagna hanno attaccato la Siria in quanto hanno ricevuto informazioni dai social network dell'uso di gas
Migliaia di minori scomparsi in Italia

Migliaia di minori scomparsi in Italia

Un'altra Pasqua di sangue innocente, nel disinteresse generale mentre il Vaticano tace. Nella stagione del disamore regna il disinteresse generale per la vita umana appena germogliata. Mai soggetti di diritti ma solo oggetti, sempre più spesso carne da macello. Le statistiche ufficiali ( i rapporti ministeriali) parlano chiaro anche se tendono al
I fatti di Bardonecchia svelano chi è Di Maio: un inetto

I fatti di Bardonecchia svelano chi è Di Maio: un inetto

I fatti di Bardonecchia sono soltanto l’ennesima riprova che questa Europa ci sta trattando a pesci in faccia. Dovremmo quindi porci, mi auguro per l’ultima volta, la domanda che al momento non ha ancora avuto una risposta, e cioè: ma che ci stiamo a fare ancora in questa associazione di prepotenti lestofanti denominata Unione europea? Una vol
Massimo Fini riscrive il suo manuale del ribelle al tempo dei grillini

Massimo Fini riscrive il suo manuale del ribelle al tempo dei grillini

«Tempo di libri», tempo di idee, ideologie, pensieri. La Fiera milanese dell'editoria è perfettamente in tempo per celebrare, oggi, a 50 anni dal '68, il tema della «Ribellione». Dai moti studenteschi alle rivoluzioni sociali, la parola d'ordine è «contro»: contro le convenzioni, le abitudini, le autorità. Ma è ancora così? C'è ancora s
Nazioni scomode

Nazioni scomode

Cerchiamo di capire cosa si nasconde dietro il caso Skripal e le accuse al regime siriano. Per fare questo è necessario una premessa. I conflitti moderni sono “guerre ibride”, confronti, dove si mescolano forme diverse di guerra: convenzionale e irregolare (Siria e Ucraina), cibernetica (russiagate) economica (le manovre speculative sul prezzo
 La marcia dei Rothschild verso la guerra

La marcia dei Rothschild verso la guerra

Proprio come l’inchiesta fasulla dell’implicato nella BCCI Robert Mueller, i servitori nell’MI6 dei Rothschild hanno inventato uno strumento di propaganda ancora più efficace con cui attaccare la Russia. Il presunto avvelenamento di Sergej Skripal ha rapidamente finito per dominare i principali titoli dei media. Chiunque osi mettere in discu
Fiume: inizio mancato di una rivoluzione (ma di quale?)

Fiume: inizio mancato di una rivoluzione (ma di quale?)

“ Passa D’Annunzio coi suoi legionari: – morire, magari! – Tradire, perché? Fiume è la fiamma che brucia e divora…”. Gli studenti cantavano per la strade d’Italia queste parole, sulle note d’una canzone allora di moda, Donna, fra il ’19 e il 20. Avrebbe potuto essere una canzone d’amore: ma parlava di guerra, di morte. Forse,
 L’ipocrisia delle armi chimiche

L’ipocrisia delle armi chimiche

L’ipocrisia di tutto ciò. Queste ignobili intenzioni. La noncuranza. Le vergognose bugie e scuse. Non sto parlando del presidente USA dai tweet affrettati e impulsivi e dei suoi desideri di scappare dai raid della polizia sull’ufficio del suo avvocato -ovviamente c’è una connessione con la Russia. E non sto parlando del suo ultimo scandalo.
 Arriva " Masa", la " bambina sopravvissuta all'attacco chimico"

Arriva " Masa", la " bambina sopravvissuta all'attacco chimico"

Arriva " Masa", come scrive il filosofo Stefano G. Azzarà, « ... la " bambina sopravvissuta all'attacco chimico", con la storia, la pelle e gli occhi del colore giusto per commuovere l'opinione pubblica bianca» e, soprattutto, liberal e introflessa nella propria caverna ideologica, anzi, antropologica, politically correct. Azzarà fa giustamente