Non sei ancora registrato? Creare un OverBlog!

Creare il mio blog

azzena

azzena

Ho sessant’anni e più. A chi può interessare la mia vita di pensieri che non danno denaro? A chi importa quello che so, a che servo, chi amo e cosa sogno? Sono già un pugno di terra. E allora prendi questa terra, Signore, soffiale ancora

Blog

Blog di Piero Azzena

Blog di Piero Azzena

Questo blog è solo la mia voce, resa libera dall'età. Questo blog è un memo, seppur disinvolto nei tempi e nei modi, dove chioso su argomenti la cui unica caratteristica è l'aver attirato la mia attenzione. Temi esposti man mano che si presentano, senza cura di organicità o apprensione per possibili contraddizioni. Temi portati a nudo, liberi da incrostazioni , franchi e leali.
azzena azzena
Articoli : 702
Dal : 28/10/2010
Categoria : Lifestyle

Articoli da scoprire

Il valore del silenzio

Nel silenzio non si conosce la verità, ma si giunge alla certezza che la verità esiste. (Vittorino Andreoli, psichiatra)

Mala tempora currunt

Brano estratto dal libro di Carlo Maria Martin, Vivere i valori del Vangelo, (Einaudi, 2009) Riflessioni sul Libro dei Giudici, dedicate a Sua Eccellenza Monsignor Alojzij Šustar, nascono dalla consapevolezza che oggi, forse piú che in altri tempi, il cristiano è chiamato a vivere i valori del Vangelo in ogni situazione umana, per quanto oscura,

Quando l'abito non fa il monaco

Il giornale on line "ilpost.it" oggi 30 mag 2019 titola così un suo articolo: "Storia di una cosa che Gianni Cuperlo non ha mai detto". E continua dicendo"Il parlamentare del PD è stato criticato e insultato sui social perché alcuni giornali hanno riportato male una sua frase sul risultato della Lega in Sardegna". Convengo che Cuperlo sull'ignor

Ancora sugli immigrati clandestini

Dieci giorni fa leggevo su quasi tutti i giornali "La Sea Watch ha raggiunto Lampedusa e si trova alla fonda a meno di un miglio dal porto dell’isola." Era partito un altro braccio di ferro tra il nostro governo (nostro perché è di tutti noi, che ci piaccia o no, perché questa è la democrazia, han ricevuto la maggioranza dei voti, esplicitano

Oggi noi cristiani festeggiamo la Pentecoste, propongo una riflessione

Omelia di Papa Francesco nella Messa in Casa Santa Marta del 13 maggio 2013. (pubblicata da avvenire.it) Lo Spirito Santo è lo sconosciuto della nostra fede ma è Lui che ci ricorda le cose di Dio È lo Spirito Santo che permette al cristiano di avere “memoria” della storia e dei doni ricevuti da Dio. Senza questa grazia, si rischia di scivola

La televisione

La televisione è uno strumento manipolatorio, un mezzo che sfugge al controllo dello spettatore. Spettatore che viene sempre più passivizzato e massificato dall'offerta di spettacoli grossolani, intervallati da spot pubblicitari il cui scopo è quello di far nascere nei telespettatori nuovi bisogni. [Ivan Illich, filosofo]

Tutti sosteniamo una tesi.

Tutti sosteniamo una tesi o almeno propendiamo verso una soluzione vicina alla nostra indole, non necessariamente per malizia. Ecco un esempio illuminante tratto dal libro L’IDEA DI GIUSTIZIA del Nobel Amarty Sen. *** Al cuore del problema di determinare in modo imparziale un’unica versione della società perfettamente giusta si situa la possib

L'ignoranza non è democrazia fantascientifica

Isaac Asimov, persona intelligente, non ha scritto tanto e solo di fantascienza, era il 21 gennaio 1980 quando sulla rivista Newsweek scrisse: Negli Stati Uniti c’è un culto dell’ignoranza, e c’è sempre stato (...ma ormai ha reso piede anche in Italia, con gli esempi più eclatanti nelle stanze del potere). Le sollecitazioni dell’anti-int

Domani si vota

Paolo Flores D'Arcais esprime su huffingtonpost.it di oggi, 25 maggio 2019, il dubbio classico delle vigilie “a chi dare il voto?” e perché. Trovo che le sue considerazioni sono simili alle mie, certo Lui li esprime con molta più chiarezza e ci discostiamo lievemente nella decisione finale. Flore D'Arcais constata una realtà spesso poco capi

L’apprendimento online non è un banale scambio della carta con un monitor.

Gli esseri umani non erano nati per leggere. Erano nati per guardare, muoversi, parlare, e pensare. Man mano che l’organismo interagiva con l’ambiente, gradualmente si realizzavano i programmi genetici per ciascuna di queste funzioni. Leggere è una nuova funzione cognitiva, inventata solo 5.500 anni fa, il che corrisponde a circa un minuto pri