Non sei ancora registrato? Creare un OverBlog!

Creare il mio blog

Vampiro

Vampiro

Blog

Vampiro Romano

Vampiro Romano

I remember like it was yesterday, the day I first saw your face. I remember your smile so vividly, your beauty and your grace. But little did I know. I could not comprehend, that you would touch my life so much by becoming my best friend.
Vampiro Vampiro
Articoli : 8
Dal : 26/04/2015

Articoli da scoprire

siamo strani

“Siamo strani. Sentiamo la mancanza di qualcosa che non abbiamo vissuto e collezioniamo amori che non si possono dire. Ce li teniamo in braccio la notte e di giorno fingiamo di non averli mai desiderati. Le persone sono strane. La chiamerei paura di viversi.”
Scrittori, editori e premi letterari

Scrittori, editori e premi letterari

Oggi orientarsi nel mondo dell’editoria non è per niente facile e gli scrittori hanno serie difficoltà a scegliere il cammino da intraprendere. Non intendo con questo mio scritto trovare la formula magica per capire come muoversi, ma un briciolo di orientamento credo che sia necessario. A quanto pare, in Italia si pubblicano circa 64000 titoli

''Ci sarà sempre quello sguardo, che nella mia vita, non dimenticherò mai. Quegli occhi, che resteranno per sempre impressi nei miei, e quella persona, che porterò per sempre nel cuore.''

Amore infinito

“Ma perché sono sempre le persone che si amano di piú ad essere cosí distanti?” “Forse perché solo gli amori piú grandi possono sopravvivere a distanze cosí immense.”

“E poi c'è un altro tipo di amore, il più crudele, quello che quasi uccide le sue vittime, si chiama amore non corrisposto. Di quello, io sono un'esperta. La maggior parte delle storie d'amore è tra persone che si innamorano l'una dell'altra. Ma il resto di noi? Quali sono le nostre storie? Quelli di noi che ci innamoriamo "da soli”. Noi sia
Ti vorrei

Ti vorrei

“Vorrei dormire con te. Vorrei togliermi il trucco, mettermi qualcosa a caso, legarmi i capelli con una coda fatta orribilmente male, ed entrare nel letto, trovando te. Vorrei, poi, darti un bacio, come per affrontare la nottata, spegnere la luce e abbracciarti, mettere una mano vicino al tuo fianco e la testa sul tuo petto, sentire il tuo cuore

“Non credeva di essere bella, ma a volte si piaceva. Magari per un solo giorno, un’ora o dieci minuti, si piaceva davvero. Forse era quella luce, o il vento, o il mare, o semplicemente era il fatto di sentire che era al posto giusto, al momento giusto. Succedeva raramente, ma quando accadeva, le brillavano gli occhi come stelle, e tutto pareva