Non sei ancora registrato? Creare un OverBlog!

Creare il mio blog

Miss You & Mister Independent

Miss You & Mister Independent

artista visiva / attrice

Blog

MISS YOU & MISTER INDEPENDENT _  lavori e testi  di Cristina Gardumi

MISS YOU & MISTER INDEPENDENT _ lavori e testi di Cristina Gardumi

foto e ispirazioni photos & inspirations
Miss You & Mister Independent Miss You & Mister Independent
Articoli : 25
Dal : 07/11/2010
Categoria : Moda, arte e design

Articoli da scoprire

Passaggi (elogio dell'attesa)

Passaggi (elogio dell'attesa)

Grazie Sconosciuta, 2010 _ Pisa-Trani Sconosciuta, 2010 _ Trani-Pisa Sconosciuti, 2006 _ Roma, Metro A Sconosciuta, 2010 _ Intorno a Firenze Sconosciuto, 2008 _ Pisa-Torino Elisa, 2010 _ Grosseto-Pisa Io, 2010 _ Tram 8, Roma

mancanze 4 (there's a whole city between you and me)

Vivevo in una grande città e ciò che ho sentito più chiaramente, sempre, in quella percezione del tempo particolare e sregolata che la metropoli ti impone, è stato il desiderio di fuggire. Nella metropoli la tua mente prende gradualmente la forma del luogo che abiti: della tua camera, della casa che contiene la tua camera, della città che cont
UBUDU_ Fabric work in progress, intorno alla Donna-Cosa

UBUDU_ Fabric work in progress, intorno alla Donna-Cosa

"Prototipa_Antigone", stoffa e cartone, 45x38cm "Little Venus", 19x8x8cm "Pasiphae", 35x20x10cm "Upupa", 35x13x10 cm "Traditrice", 50x10x8 cm La crosta fuori era dorata al punto giusto, la vaniglia si sentiva appena. Erano perfetti. I chicchi di uva passa occhieggiavano a migliaia dai vassoi, ordinati sulla credenza. Era il quarto, il biscotto dell

Riflessi_ t e a t r o

Il teatro è un posto misterioso. La sua struttura è diversa da quella di qualunque altro luogo, e se può capitare che uno spazio diverso (una palestra, un bar, una strada) possa diventare un teatro per poi tornare a essere ciò che era, un teatro non può smettere di essere quello che è per diventare altro. Quindi anche se parlando di “teatro

da "Elogio della fuga" di Henri Laborit

..Finché le gambe mi permettono di fuggire, finché le braccia mi permettono di combattere, finché l’esperienza che ho del mondo mi permette di sapere che cosa devo temere o desiderare, niente paura: posso agire. Ma quando il mondo degli uomini mi costringe a osservare le sue leggi, quando il mio desiderio si scontra col mondo dei divieti, quan

mancanze 5 (Odri)

Il suo corpo era incredibilmente bianco, i suoi occhi chiari, mai stati così neri, i capelli in fiamme. Sui fianchi la presa saldissima delle mani gelose di lui. Quelle dita dure mordevano forte, tirandola dalla loro parte come cagnacci in lite. La spezzavano. Sopra di lei l’uomo ansimava. Ogni volta che le bocche si incontravano, e non era faci