Non sei ancora registrato? Creare un OverBlog!

Creare il mio blog

Armonia dei contrari

Armonia dei contrari

Amo il mare d'inverno e sento le azalee dell'Etna che bruciano sotto la lava
Tag associati : anima mundi, i miei libri

Blog

Blog di armoniadeicontrari.over-blog.it

Blog di armoniadeicontrari.over-blog.it

Sono foce ignota scruto lontano la realtà di un sogno sempre rimandato...
Armonia dei contrari Armonia dei contrari
Articoli : 38
Dal : 07/10/2010

Articoli da scoprire

Sul rudere....

Sul rudere....

Stranamente sul rudere il melograno in un punto del colle crocevia di armonie come vento di glicine spezzato nelle crepe dei ramarri crepita di passato mi lascio condurre da un ritrovato senso Stranamente vecchie tegole di cieli lambiscono ricordi c'è silenzio di echi mai spenti oltre le palpebre dell'etna mascherata di ghiaccio oltre il mento sfu
Recensione a "riflessi di rugiada" cose sparse di me su Repubblica

Recensione a "riflessi di rugiada" cose sparse di me su Repubblica

RUGIADA DI PAROLE (recensione di Silvana La Porta) 13 novembre 2011 - pagina 15 sezione: PALERMO MARIA Allo, docente liceale di lettere catanese, per tanto tempo ha tenuto chiuse nel cassetto le sue poesie, che oggi propone nel volume Riflessi di rugiada. Cose sparse di me. Ogni lirica è davvero simplex munditiis, semplice nella sua eleganza, frut

senza luci

nel silenzio d’una notte insonne inseguo squarci affinità segni scavo orme in un campo di sterpaglie che prosciuga tutti respiri una notte insonne ostinata a sciogliermi nel fardello di lava che l’etna schiuma e inabissa come anima persa che non s’illumina al primo chiaro nel silenzio della notte misterica sospesa anche il vento ha nascosto
Recensione a "riflessi di rugiada" di R.Montagnoli

Recensione a "riflessi di rugiada" di R.Montagnoli

Riflessi di rugiada Cose sparse di me di Maria Allo Prefazione di Gabriele La Porta In copertina disegno di Deborah Allo Gruppo Albatros Il Filo www.ilfiloonline.it Poesia silloge Pagg. 106 ISBN 9788856749328 Prezzo € 11,50 Flussi di coscienza Questa raccolta di poesie è sottotitolata Cose sparse di me, che è poi il titolo della prima lirica de
Per tutto quel bianco...

Per tutto quel bianco...

per tutto quel bianco rubato alle nubi sai quante volte modulo il respiro che si fa pietra su declivi di orizzonti sperduti in attesa di un silenzio che disgeli il viola delle mie carni per tutto quel bianco a misura di armonia assiepato tra una parola e l’altra spalancato sai quante volte sprofondo in anfratti di scoglio senza riparo eppure ali
Quasi preghiera

Quasi preghiera

angelo ferito dal fiato di tutte le agonie su tinte sfatte di dignità blasfeme di tenerezze angelo in delirio a cielo aperto asimmetrico da un capo all’altro come nube emergi da anfratti di cieli ignoti onda fendente divieni di marosi angelo perduto dentro addii incustoditi limite che non si fa domani deponi le tue ali di fenice nel grembo del m

vivrò l'inverno

in questi giorni di pioggia e di schegge amalgamati al respiro di cieli incapaci su mute promesse e flebili voli in quest'inferno che geme per ogni soffio di vento non teneri accordi su grovigli audaci di afflati ribelli in questi giorni di pioggia amalgamati a brume e olivi su cime fluttuanti strabica l'Etna erutta tra gabbiani sperduti in questo
Sai quando il vento

Sai quando il vento

senza corpo nè veli tra volute e radici ha sete di bacche frantumate e soffocate lune come acqua scorre nè sentieri echi o steli potranno fermarlo diluvia contemporaneo a noi e ai peccati del mondo folgora rumori sui fregi intarsiati del cancello su corolle di brina nel tempio dello spazio sai quando il vento rode e silenzia il cielo delle parole
Recensione di Antonio Spagnuolo a "riflessi di rugiada"

Recensione di Antonio Spagnuolo a "riflessi di rugiada"

Maria Allo : “Riflessi di rugiada” – Ed. Albatros – 2011 – pagg. 110 - € 11,50 Uno strano bagliore cerca di squarciare la quotidianità, che ci avvolge con tutte le sue inaspettate composizioni, così le nubi che scorrono, le onde del mare che ritornano irrequiete, il candore di una illusione che ripete , l’intima partecipazione che r