By continuing your visit to this site, you accept the use of cookies. They ensure the proper functioning of our services and display relevant ads. Learn more about cookies and act

Non sei ancora registrato? Creare un OverBlog!

Creare il mio blog

Patrizia Poli

Patrizia Poli

amministratrice di signoradeifiltri.blog redattrice presso CriticaLetteraria scrivo narrativa

Blog

signoradeifiltri.blog (not only book reviews)

signoradeifiltri.blog (not only book reviews)

Non solo recensioni ... i filtri sono nello sguardo di chi legge, viaggia, pensa, dubita, impara. Uno slow-blog a più voci che non sta sul pezzo ma riflette con calma, comunicando agli altri il suo mondo, la sua visione multiforme e sfaccettata.
Patrizia Poli Patrizia Poli
Articoli : 1827
Dal : 03/01/2013

Articoli da scoprire

Calciomania – Libri sul calcio Madeleine calcistica

Calciomania – Libri sul calcio Madeleine calcistica

Calciomania che mi contagia e che mi ha sempre contagiato, in fondo, visto che il mondo del calcio è stato il mio mondo dai 16 ai 39 anni. Adesso non seguo più il calcio importante, credo che sia una crisi di rigetto perché ha occupato troppo tempo della mia vita. Ma non posso fare a meno di seguire le gesta eroiche della squadra della mia citt
L’ANIMA LETTERARIA DI FERRARA ATTRAVERSO I SUOI ANGOLI SEGRETI

L’ANIMA LETTERARIA DI FERRARA ATTRAVERSO I SUOI ANGOLI SEGRETI

Sabato 13 e domenica 14 maggio, due giorni dedicati ai curiosi, a quelli che davanti a un portone chiuso iniziano a sognare i giardini che non possono vedere. Eleganti corti rinascimentali, orti medievali, oasi fiorite di tranquillità e pace domestica, geometrie zen e labirinti di siepi, rari alberi secolari e arboreti insospettabili, celati alla
Cavalieri, marinai e crociati

Cavalieri, marinai e crociati

Viveva con sua madre in Cornovaglia: un dì trasecolò nella boscaglia. Nella boscaglia un dì, tra cerro e cerro vide passare un uomo tutto ferro. Morvàn pensò che fosse San Michele: s'inginocchiò: Signore San Michele, non mi far male, per l'amor di Dio! Né mal fo io, né San Michel son io. No: San Michele non poss'io chiamarmi: cavalier, sì:
L’amore quando si hanno quindici anni e si leggono libri strappalacrime

L’amore quando si hanno quindici anni e si leggono libri strappalacrime

Ricordo quando ero ai primi anni delle superiori. Si sogna in grande, a quell’età. In tutti i campi… si è ambiziosi ed energici e si pensa di poter diventare tutto ciò che si vuole. Medici senza frontiere, astronauti, cantanti e attori. Nulla è precluso, nulla è troppo difficile o troppo lontano. Nulla è impossibile. Sì, tutto viene vist
Siamo tutti gay

Siamo tutti gay

C 'era l'artista vanitoso e narcisista, che era dichiarato. Si sapeva. Si era anche lasciato, diciamo, maneggiare e usare dal direttore di una qualche mostra per tentare di, come dire, promuovere la propria produzione artistica. C'era l'aspirante architetto un po' indeciso, ok - apparentemente bisessuale. Si sapeva. Poi c'era il tizio misterioso e
Tiziana

Tiziana

Illustrazione di Clara Garesio “Attenta piccolina, stai attenta!” ha iniziato a ripetermi la voce dentro ed aveva tutta l’aria di non volersi zittire. Talvolta quella voce diventava più insistente, sino a privarmi anche di un unico attimo di tregua ed allora tutto risultava più difficile: impossibile concentrarmi, inutile tentare di riacciu
Una vampata d’amore (1953) di Ingmar Bergman

Una vampata d’amore (1953) di Ingmar Bergman

Regia: Ingmar Bergman.Soggetto e Sceneggiatura: Ingmar Bergman. Fotografia: Sven Nykvist, Hilding Bladh. Montaggio: Carl - Olov Skeppstedt. Musiche: Karl-Birger Blomdahl. suono: Olle Jacobsson. Costumista: Mago. Direttore di Scena: Crals Ove Carlberg. Produttore. Rune Waldekranz. Produzione: Sandrewproduktion. Distribuzione: Sandrew Bauman Film. Di
C'ERO UNA VOLTA..., MA...

C'ERO UNA VOLTA..., MA...

C'ero una volta..., ma... ...ho perso la chiave. Non riesco ad aprirmi. La porta è chiusa. Non importa a nessuno d'aprirla. Aspettano Aprile. Aspetto e spero, ma l'ora non s'avvicina. Nessuna faccetta nera, nessuna bella abissina all'orizzonte. C'ero una volta..., ma Alessandro s'è scordato di me. E' nascosto da una pila di libri che sta leggendo
Mai dire mai

Mai dire mai

Ho trascorso una strana Pasqua, a riprova che “mai dire mai”, che si può sempre tornare sui propri passi, che sarebbe stupido e cattivo non farlo, che bisogna perdonarsi e perdonare, che non si sa mai cosa c’è dietro l’angolo. Aprile è esploso ma poi è tornato il freddo, però le giornate sono comunque lunghe e luminose. Il mio cane cor